ARTS
of ITALY

Il progetto

È giunto al secondo appuntamento, il progetto OVS Arts of Italy. Dopo il successo della prima edizione, lanciata lo scorso anno, OVS continua il dialogo tra arte e moda per promuovere e valorizzare il patrimonio artistico italiano e contribuire ad avvicinare il grande pubblico all'immensa ricchezza storico-artistica dell'Italia.

SCOPRI DI PIÙ

L'evento

14 maggio 2017 / Ore 11.00
TUTTI IN CAMMINO PER NORCIA
Una giornata di festa e solidarietà organizzata da OVS in uno dei luoghi simbolo colpiti dal terremoto.

Scopri di più

Piano di tavolo in pietre dure

La collezione

Scopri in anteprima la collezione e le opere italiane che l’hanno ispirata, in vendita dal prossimo 20 Maggio in alcuni selezionati store e online su ovs.it.

#OVSArtsOfItaly

La collezione raccontata dai nostri testimonial
SCOPRI DI PIÙ

OVS
ARTS
NEWS

OVS Arts of Italy non è soltanto un progetto che coniuga creativamente i linguaggi di arte e moda. Il suo obiettivo principale è infatti quello di avvicinare il patrimonio artistico italiano alla community OVS attraverso un racconto inedito. È per questo che nascono le OVS Art News: pillole di curiosità, aneddoti e spunti di approfondimento sull’arte italiana che permetteranno di riscoprire, valorizzare e apprezzare la straordinaria bellezza che è sotto i nostri occhi.

Piano di tavolo in pietre dure

Il pregio delle creazioni in pietre dure deriva dalla straordinaria collezione di "materie prime" dei Medici che spinsero la ricerca delle pietre fino ai confini del mondo: porfidi, marmi rari, agate, lapislazzuli, arrivavano da Roma ma anche dalla Sicilia, dalla Corsica, dalla Boemia, dalla Germania, persino dalla Persia e infine ancora più a Oriente, dall'India, da cui proveniva il calcedonio trasparente e la sanguigna agata di Goa.

Gemma su lapislazzulo

Il collezionismo di gemme sviluppatosi nel primo Rinascimento rappresenta uno degli aspetti più affascinanti del processo di riscoperta dell’antico, i cui valori storici e artistici erano modelli di riferimento proprio perché, come scriveva il Vasari, “ Le pietre dure son materia che vi si intaglia drento ogni sorta di lavoro, e per quelle si conserva più l’antichità e le memorie, che in altra materia..."

Gemma con decorazione a intaglio

Gli iniziatori della collezione di gemme dei Medici furono Cosimo il Vecchio e il figlio Piero il Gottoso. Quest’ultimo, in particolare, riservò alle pietre incise un ruolo molto importante all’interno del suo celebre studio nel Palazzo di via Larga, una vera e propria camera delle meraviglie dove, oltre alle gemme, venivano custodite monete, medaglie, sculture, gioielli, vasi in pietra dura e preziosi codici miniati.

Elmetto da cavallo

L’elmetto è attribuito a Pompeo della Cesa, uno dei più noti e abili armorari milanesi del Cinquecento. Lavorò al servizio di numerose corti italiane ed europee dell’epoca, tra cui i Farnese e i Savoia, dalle quali fu considerato un vero e proprio “stilista di armature” per via della peculiare lavorazione spesso ispirata agli sbalzi e ai riflessi cangianti delle stoffe del tempo.

Piano di tavolo in pietre dure

Le più belle creazioni realizzate nelle botteghe dell'Opificio delle Pietre Dure, una volta completate, lasciavano i laboratori per raggiungere le illustri regge italiane ed europee cui erano destinate. Oggi, molte di queste opere sono custodite anche nei più prestigiosi musei del mondo come il Louvre, il Victoria and Albert di Londra, il Grünes Gewölbe di Dresda o l' Ermitage di San Pietroburgo, dove si possono scoprire superbi esemplari di mosaici fiorentini.