I testimonial

Un front row di testimonial italiani, scelti tra artisti ed esponenti di spicco del mondo dello spettacolo e della cultura, per una campagna pubblicitaria scattata dal fotografo Pierpaolo Ferrari.
Protagonisti la cantante Emma, le attrici Ambra Angiolini e Valeria Solarino, lo scrittore Luca Bianchini, lo chef Davide Oldani e il regista Giovanni Veronesi che realizzerà un "corto" dedicato al progetto.

Ambra Angiolini

Ambra Angiolini nasce a Roma il 22 aprile del 1977.

Dopo diverse esperienze in fiction televisive e nei principali teatri italiani, nel 2006 esordisce al cinema con il film
“Saturno contro” di Ferzan Ozpetek, con il quale si aggiudica il David di Donatello e il Nastro d'argento come miglior attrice non protagonista, il premio Ciak d’oro come migliore attrice rivelazione e il Globo d’oro della stampa estera come migliore esordiente. In seguito ha recitato in altri film tra cui "Bianco e nero" (2008), "Immaturi" (2011), "Viva l’Italia" (2012) e "La scelta" (2015).

Attualmente, si divide tra il set del film “Terapia di coppia per amanti” e gli studi televisivi dove è impegnata nel ruolo di giudice nel programma serale “Amici”. È in uscita con il film “La Verità, Vi Spiego, sull’Amore”, nelle sale dal 30 marzo, mentre per la televisione sarà nel film TV “Il fulgore di Dony” con la regia di Pupi Avati.

Ambra Angiolini

Ambra Angiolini nasce a Roma il 22 aprile del 1977.

Dopo diverse esperienze in fiction televisive e nei principali teatri italiani, nel 2006 esordisce al cinema con il film
“Saturno contro” di Ferzan Ozpetek, con il quale si aggiudica il David di Donatello e il Nastro d'argento come miglior attrice non protagonista, il premio Ciak d’oro come migliore attrice rivelazione e il Globo d’oro della stampa estera come migliore esordiente. In seguito ha recitato in altri film tra cui "Bianco e nero" (2008), "Immaturi" (2011), "Viva l’Italia" (2012) e "La scelta" (2015).

Attualmente, si divide tra il set del film “Terapia di coppia per amanti” e gli studi televisivi dove è impegnata nel ruolo di giudice nel programma serale “Amici”. È in uscita con il film “La Verità, Vi Spiego, sull’Amore”, nelle sale dal 30 marzo, mentre per la televisione sarà nel film TV “Il fulgore di Dony” con la regia di Pupi Avati.

Emma

Emma nasce a Firenze il 25 maggio 1984. Vive la sua prima infanzia a Sesto Fiorentino e in seguito si trasferisce con la famiglia in Puglia, terra d’origine dei suoi genitori. Scopre presto la sua passione per la musica e comincia a soli 9 anni a esibirsi nelle piazze e nei locali con la band del padre.

Dopo aver frequentato attivamente la scena musicale salentina, vince nel 2010 la nona edizione del talent show “Amici” di Maria De Filippi e nel 2012 la 62esima edizione del Festival di Sanremo col brano “Non è l’inferno”, consacrandosi in poco tempo non solo come una delle voci più amate del panorama musicale italiano, ma anche come artista versatile ed eclettica.

Instancabile dal punto di vista artistico così come quello umano, è da sempre impegnata nel sociale come testimonial, sostenendo cause importanti sia come portavoce di varie associazioni sia attraverso i temi trattati nei suoi brani.

Emma

Emma nasce a Firenze il 25 maggio 1984. Vive la sua prima infanzia a Sesto Fiorentino e in seguito si trasferisce con la famiglia in Puglia, terra d’origine dei suoi genitori. Scopre presto la sua passione per la musica e comincia a soli 9 anni a esibirsi nelle piazze e nei locali con la band del padre.

Dopo aver frequentato attivamente la scena musicale salentina, vince nel 2010 la nona edizione del talent show “Amici” di Maria De Filippi e nel 2012 la 62esima edizione del Festival di Sanremo col brano “Non è l’inferno”, consacrandosi in poco tempo non solo come una delle voci più amate del panorama musicale italiano, ma anche come artista versatile ed eclettica.

Instancabile dal punto di vista artistico così come quello umano, è da sempre impegnata nel sociale come testimonial, sostenendo cause importanti sia come portavoce di varie associazioni sia attraverso i temi trattati nei suoi brani.

Luca Bianchini

Luca Bianchini è nato a Torino l’11 febbraio del 1970.

Con Mondadori ha pubblicato “Instant love” (2003), “Ti seguo ogni notte” (2004), la biografia di Eros Ramazzotti, “Eros - Lo giuro” (2005), “Se domani farà bel tempo” (2007), “Siamo solo amici” (2011) e
“Dimmi che credi al destino” (2015).

Nel 2013 le storie pugliesi di “Io che amo solo te” e “La cena di Natale di Io che amo solo te” hanno conquistato le classifiche e il cuore dei lettori.
Da questi romanzi sono stati tratti due film di grande successo nel 2015 e nel 2016. Ha condotto per anni “Colazione da Tiffany” su Radio2 e collabora con "la Repubblica" e "Vanity Fair".

Luca Bianchini

Luca Bianchini è nato a Torino l’11 febbraio del 1970.

Con Mondadori ha pubblicato “Instant love” (2003), “Ti seguo ogni notte” (2004), la biografia di Eros Ramazzotti, “Eros - Lo giuro” (2005), “Se domani farà bel tempo” (2007), “Siamo solo amici” (2011) e
“Dimmi che credi al destino” (2015).

Nel 2013 le storie pugliesi di “Io che amo solo te” e “La cena di Natale di Io che amo solo te” hanno conquistato le classifiche e il cuore dei lettori.
Da questi romanzi sono stati tratti due film di grande successo nel 2015 e nel 2016. Ha condotto per anni “Colazione da Tiffany” su Radio2 e collabora con "la Repubblica" e "Vanity Fair".

Valeria Solarino

Valeria Solarino è nata in Venezuela da genitori italiani. Dopo gli studi universitari, inizia la sua attività di attrice
professionista alla scuola del Teatro Stabile di Torino. 

Dopo qualche esperienza sul palcoscenico, inizia una prestigiosa carriera cinematografica che la porta a vincere
nel 2005 il premio Biraghi come attrice emergente e nel 2007 il Premio Pasinetti come migliore attrice, entrambi
alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Nel 2008, la sua interpretazione in “Viola di mare”
le varrà la candidatura ai Nastri d'argento e il premio come migliore attrice al NICE film Festival. Nello stesso anno è candidata al David di Donatello come migliore attrice protagonista per “Signorina”.

Nel 2016 inizia una tournée teatrale di “Una giornata particolare”, dal capolavoro cinematografico di Ettore Scola, e interpreta il secondo e il terzo capitolo della trilogia di “Smetto quando voglio”.

Valeria Solarino

Valeria Solarino è nata in Venezuela da genitori italiani. Dopo gli studi universitari, inizia la sua attività di attrice
professionista alla scuola del Teatro Stabile di Torino. 

Dopo qualche esperienza sul palcoscenico, inizia una prestigiosa carriera cinematografica che la porta a vincere
nel 2005 il premio Biraghi come attrice emergente e nel 2007 il Premio Pasinetti come migliore attrice, entrambi
alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Nel 2008, la sua interpretazione in “Viola di mare”
le varrà la candidatura ai Nastri d'argento e il premio come migliore attrice al NICE film Festival. Nello stesso anno è candidata al David di Donatello come migliore attrice protagonista per “Signorina”.

Nel 2016 inizia una tournée teatrale di “Una giornata particolare”, dal capolavoro cinematografico di Ettore Scola, e interpreta il secondo e il terzo capitolo della trilogia di “Smetto quando voglio”.

Giovanni Veronesi

Giovanni Veronesi è uno sceneggiatore, regista e attore cinematografico italiano. Fa parte del gruppo di giovani che negli anni ‘90 ha portato al successo il cosiddetto "cinema toscano".

Inizia a lavorare nel cinema a metà degli anni ’80 come sceneggiatore e regista, firmando anche la sceneggiatura di "Per amore solo per amore" che vince il David di Donatello nel 1994. L'anno successivo inizia una collaborazione con Leonardo Pieraccioni, che prosegue ininterrotta per tutti gli altri film del regista fiorentino.
Nel frattempo continua a svolgere la sua attività di regista dedicata alle problematiche sentimentali, ottenendo grande successo con "Che ne sarà di noi”, “Manuale d'amore” e “Manuale d'amore 2 - Capitoli successivi”.

Dal 30 giugno 2014 conduce su Radio 2 il programma "Non è un paese per giovani”, dal quale prende il nome anche il suo ultimo film in uscita dal 23 marzo 2017.

Giovanni Veronesi

Giovanni Veronesi è uno sceneggiatore, regista e attore cinematografico italiano. Fa parte del gruppo di giovani che negli anni ‘90 ha portato al successo il cosiddetto "cinema toscano".

Inizia a lavorare nel cinema a metà degli anni ’80 come sceneggiatore e regista, firmando anche la sceneggiatura di "Per amore solo per amore" che vince il David di Donatello nel 1994. L'anno successivo inizia una collaborazione con Leonardo Pieraccioni, che prosegue ininterrotta per tutti gli altri film del regista fiorentino.
Nel frattempo continua a svolgere la sua attività di regista dedicata alle problematiche sentimentali, ottenendo grande successo con "Che ne sarà di noi”, “Manuale d'amore” e “Manuale d'amore 2 - Capitoli successivi”.

Dal 30 giugno 2014 conduce su Radio 2 il programma "Non è un paese per giovani”, dal quale prende il nome anche il suo ultimo film in uscita dal 23 marzo 2017.

Davide Oldani

Davide Oldani, ideatore della cucina pop – alta qualità e accessibilità – ha aperto il suo ristorante, il D’O, nel 2003. Dopo un anno di attività, le più autorevoli guide gastronomiche lo annoverano fra i grandi chef della cucina italiana.

Nel dicembre 2008 ha ricevuto l’Ambrogino d’oro dal Comune di Milano e nel novembre 2013 è stato invitato ad Harvard per raccontare la sua esperienza imprenditoriale. È stato nominato Ambassador EXPO 2015 e nello stesso anno è stato chiamato a partecipare come speaker al World Business Forum di Milano.

Nel 2016 ha inaugurato un ristorante a Manila, uno a Singapore, e ha aperto il suo nuovo D’O, un’evoluzione del precedente, per realizzare una cucina più “grande”, capace di confrontarsi con altre cucine nel nostro Paese e non solo. Nell’estate dello stesso anno è stato nominato dal CONI Food & Sport Ambassador e chiamato come chef a Casa Italia per le Olimpiadi di Rio de Janeiro.

Davide Oldani

Davide Oldani, ideatore della cucina pop – alta qualità e accessibilità – ha aperto il suo ristorante, il D’O, nel 2003. Dopo un anno di attività, le più autorevoli guide gastronomiche lo annoverano fra i grandi chef della cucina italiana.

Nel dicembre 2008 ha ricevuto l’Ambrogino d’oro dal Comune di Milano e nel novembre 2013 è stato invitato ad Harvard per raccontare la sua esperienza imprenditoriale. È stato nominato Ambassador EXPO 2015 e nello stesso anno è stato chiamato a partecipare come speaker al World Business Forum di Milano.

Nel 2016 ha inaugurato un ristorante a Manila, uno a Singapore, e ha aperto il suo nuovo D’O, un’evoluzione del precedente, per realizzare una cucina più “grande”, capace di confrontarsi con altre cucine nel nostro Paese e non solo. Nell’estate dello stesso anno è stato nominato dal CONI Food & Sport Ambassador e chiamato come chef a Casa Italia per le Olimpiadi di Rio de Janeiro.